Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Anagrafe

 

Anagrafe

Link informazioni generali

  • AIRE 

 

L'Ufficio Anagrafe è competente per l'Anagrafe dei Cittadini Residenti all'Estero (AIRE). La legge n.470 del 1988 stabilisce che tutti i cittadini italiani che trasferiscono all'estero la loro residenza devono, entro 90 giorni dalla data di arrivo nel Paese di destinazione, fare apposita dichiarazione presso il competente Ufficio consolare. Anche chi è emigrato prima dell'entrata in vigore di questa legge deve iscriversi. L'iscrizione all'AIRE è necessaria per ottenere tutti i documenti e i certificati che sono rilasciati dall'Ufficio consolare e per poter richiedere il rilascio o il rinnovo del passaporto. Inoltre, una volta iscritti nel sistema informatico dell’ Ufficio Consolare, tutte le pratiche potranno essere svolte in tempi sensibilmente più brevi.

I cittadini italiani debbono essere iscritti nell'anagrafe di un Comune italiano. L'iscrizione permette, tra l'altro, l'esercizio di tutti i diritti e i doveri ai cittadini, secondo la situazione di ciascuno. Il cittadino italiano ha inoltre l'obbligo di comunicare al proprio Comune e quindi all'Ufficio consolare tutte le variazioni dei dati anagrafici (stato civile, cittadinanza, indirizzo, composizione della famiglia, residenza). I cittadini italiani possono essere residenti in Italia o all'estero: nel primo caso (residenza in Italia) essi saranno iscritti nell'Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) del Comune italiano e dovranno rivolgersi direttamente al Comune di residenza per lo svolgimento di tutte le pratiche anagrafiche; nel secondo caso (residenti all'estero) il loro nome comparirà negli elenchi dell'A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) del Comune italiano di origine o di ultima residenza prima dell'espatrio; queste persone potranno rivolgersi all'Ufficio consolare italiano del proprio luogo di residenza all'estero per lo svolgimento delle pratiche anagrafiche, e l’Ufficio Consolare farà da tramite fra i cittadini residenti all'estero e il Comune italiano di iscrizione anagrafica.

Come ci si iscrive all'A.I.R.E.

La richiesta di iscrizione all'A.I.R.E. può essere fatta dall'interessato (per sé e per i propri familiari di cittadinanza italiana) tramite il l'Ufficio consolare italiano del luogo di residenza all'estero, mediante una dichiarazione sostitutiva di certificazione  (link modulistica).  È anche previsto che il Comune italiano provveda d'ufficio all'iscrizione nella propria A.I.R.E. quando venga a conoscenza del fatto che il cittadino risiede stabilmente all'estero. Ugualmente, l'Ufficio consolare italiano del luogo di residenza richiede al Comune italiano l'iscrizione all'A.I.R.E. del cittadino per il quale - in occasione dello svolgimento di una qualsiasi pratica (ad esempio, il rilascio di un passaporto) - ha constatato l'effettiva e permanente residenza all'estero. L'iscrizione all'A.I.R.E. può quindi essere fatta anche senza una diretta iniziativa da parte del cittadino interessato; ma in ogni caso il cittadino ne sarà informato per mezzo di un atto amministrativo del Comune, che gli sarà notificato dall’Ufficio Consolare italiano del luogo di residenza. Le persone che desiderano richiedere l'iscrizione all'A.I.R.E. di un Comune italiano debbono rivolgersi all’Ufficio Consolare italiano del luogo di residenza anche via mail all’indirizzo consolare.hanoi@esteri.it 


Alla dichiarazione sostitutiva di certificazione per l’iscrizione all’AIRE deve, ai sensi del DL 223 del 18.12.2012 , essere unita documentazione comprovante la residenza nella circoscrizione consolare (contratti di lavoro, bollette di utenze residenziali, conti correnti, contratti di abitazione etc).

  • modulo di iscrizione debitamente compilato (vedi sezione Modulistica); 
  • passaporto italiano valido; 
  • prova della stabile e legale residenza all'estero.


Variazione dei dati d'iscrizione all'A.I.R.E.

Il cittadino italiano ha l'obbligo di comunicare al proprio Comune tutte le variazioni dei dati anagrafici (stato civile, cittadinanza, indirizzo, composizione della famiglia, residenza). Il Comune italiano riceve automaticamente notizia di tali variazioni se esse si verificano in Italia; ma - se il cittadino italiano risiede all'estero - il Comune italiano può essere informato dei cambiamenti intervenuti solo su iniziativa dell'interessato e tramite l’Ufficio Consolare del luogo di residenza. I cittadini italiani residenti al di fuori dell'Italia sono quindi tenuti ad informare l’Ufficio Consolare italiano del luogo di residenza su ogni variazione intervenuta riguardo a:

  • indirizzo all'estero;
  • cittadinanza;
  • stato civile;
  • composizione del nucleo familiare;
  • cambio di nome.

Sono accettate le variazioni anche se pervenute per via informatica all’indirizzo e-mail consolare.hanoi@esteri.it


La tempestiva comunicazione all’Ufficio Consolare dei cambiamenti riguardanti la propria situazione anagrafica - oltre ad essere un dovere del cittadino - consentirà agli Uffici italiani di mantenere sempre aggiornate le informazioni riguardanti i cittadini residenti all'estero, di consentire l’esercizio del voto all’estero , facilitando sia l'erogazione di tutti i servizi eventualmente richiesti in Italia ed all'estero, sia il contatto fra Ufficio Consolare e cittadini italiani residenti nella circoscrizione.

 

 

  • SPID

 

Il Sistema Pubblico per la Gestione dell'Identita' Digitale (SPID) e' il sistema di autenticazione che permette a cittadini ed imprese di accedere con un'identita' digitale unica ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati aderenti.

Si tratta di un passaggio qualificante nella partecipazione del Ministero degli Esteri italiano e della rete estera al processo di innovazione digitale della Pubblica Amministrazione e della societa' civile.

Dal 1 ottobre 2018 gli Stati membri dell'Unione Europea dovranno riconoscere i mezzi di identificazione elettronica delle persone fisiche e giuridiche che rientrano in un regime notificato di identificazione elettronica di un altro Stato membro. I connazionali dotati di SPID potranno pertanto accedere ai servizi online erogati in un altro Paese UE e, analogamente, cittadini europei dotati di identificazione elettronica potranno avere accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione italiana.

Per maggiori informazioni sullo SPID, che puo' essere richiesto anche dai cittadini italiani residenti all'estero, consulta questa scheda informativa oppure visita il sito www.spid.gov.it 

 

 

 

 


68