Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Quadro di riferimento

 

Quadro di riferimento

La cooperazione italiana allo sviluppo, perseguendo la tutela della vita e della dignità umana, intende instaurare e consolidare i rapporti tra i popoli, con l’obiettivo di favorirne lo sviluppo economico e sociale.

Nel 2014, il Parlamento italiano ha approvato la legge n. 125, che abroga la legge 49/1987 sulla cooperazione allo sviluppo e riorganizza gli attori, gli strumenti, le modalità di azione e i principi base del sistema della cooperazione italiana allo sviluppo. Per assicurare la coerenza delle politiche e il coordinamento, la nuova legge stabilisce la costituzione del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo, e prevede l'adozione di un documento di programmazione triennale da parte del Consiglio dei Ministri. Inoltre, la legge 125/2014 definisce la creazione dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. L'Agenzia gode di una maggiore flessibilità che le permette di adottare innovativi strumenti e strategie di cooperazione.

Le Sedi all’estero costituiscono la rete istituzionale decentrata dell’Agenzia e si trovano presso i principali Paesi beneficiari di iniziative della cooperazione italiana.

https://www.aics.gov.it/

[Protocollo d'azione per la sicurezza degli operatori della cooperazione]

Nel 2021 il MAECI, l'Agenzia e le Reti delle organizzazioni della societa' civile AOI, CINI e Link 2007 hanno sottoscritto il "Protocollo d’azione per la sicurezza degli operatori della cooperazione". Il protocollo è rivolto agli operatori delle ONG/OSC impegnati in attività di cooperazione allo sviluppo e di aiuto umanitario che sono chiamati a svolgere il proprio lavoro in aree, territori e Paesi caratterizzati da differenti livelli di rischio di sicurezza.

Il Protocollo si compone di una prima sezione che sottolinea l’impegno comune delle parti firmatarie a diffondere una cultura della sicurezza presso le OSC e di una seconda parte “operativa” (vademecum) in cui vengono indicate le buone prassi e le regole cui ispirare l’attività all’estero.

Protocollo d'azione per la sicurezza degli operatori della cooperazione

 


69